1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Agrigento
Sei in: Home » News » 2017 » Novembre » La Regione emette il decreto di finanziamento per la riapertura al transito della S.P. n. 24 A

Contenuto della pagina

La Regione emette il decreto di finanziamento per la riapertura al transito della S.P. n. 24 A

 

E' stato, da poco, pubblicato un nuovo decreto di finanziamento da parte della Regione Siciliana per interventi sulle strade di competenza del Libero Consorzio Comunale di Agrigento. Il provvedimento riguarda il finanziato del progetto esecutivo relativo ai "Lavori di eliminazione delle condizioni di pericolo per la riapertura al transito della S.P. n. 24 A (Ponte Giuri)".
L'importo del progetto, redatto interamente dai tecnici del Settore Infrastrutture Stradali del Libero Consorzio è stato finanziato dalla Regione per un totale di 1.100.000,00 di euro di cui per € 2.200,00 sull'esercizio finanziario 2017, € 1.066.457,20 sull'esercizio finanziario 2018 e per € 28.542,80 sull'esercizio finanziario 2019.
Si tratta di uno dei progetti esecutivi approvati dal Dirigente del Settore "Ambiente e Territorio, Infrastrutture Stradali del Libero Consorzio Comunale di Agrigento ed inviati alla Regione per il relativo finanziamento.
Come per i precedenti stanziamenti, il Commissario Straordinario Giuseppe Marino ha dato disposizione agli uffici competenti di attivare nel più breve tempo possibile l'iter amministrativo per effettuare la relativa gara d'appalto, in modo da ripristinare la transitabilità lungo la Sp. n. 24 A che collega territori della zona ricadenti nel comune di Cammarata che, in questo modo, potranno uscire dal temporaneo isolamento, dovuto all'assenza di adeguati finanziamenti  per ripristinare la sede stradale. Altri interventi che riguardano la zona del Tumarrano, sempre nel territorio di Cammarata, saranno realizzati con fondi del libero Consorzio.
Il Libero Consorzio rimane in attesa di altri decreti di finanziamento di progetti esecutivi presentati all'Assessorato Regionale delle Infrastrutture.