1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Agrigento
Sei in: Home » URP e Stampa » Rassegna stampa » 2019 » Ottobre » rassegna stampa del 29 ottobre 2019

Contenuto della pagina

 

rassegna stampa del 29 ottobre 2019

Risoluto.it

Il Libero Consorzio di Agrigento completa gare per 63 milioni di euro, sistemazione di strade a Sciacca, Ribera, Menfi, Santa Margherita, Montevago e Sambuca
Risoluto Redazione


Si avviano a completamento le gare previste per il 2019 per migliorare la viabilità provinciale nel territorio Agrigentino Nel triennio 2019/2021 il Libero Consorzio prevede investimenti per oltre 63 milioni di euro compresi nel programma approvato lo scorso settembre insieme al bilancio di previsione 2019 e al bilancio pluriennale 2019/2021.
Sarà possibile la realizzazione di una serie di opere e di interventi sull'intero territorio provinciale, con investimenti per oltre 63 milioni di euro nel triennio. Gli interventi riguardano sia la viabilità che l'edilizia scolastica provinciale. Gli interventi previsti ed inseriti nel Programma Triennale arrivano ad un ammontare di € 11.645.892,45 per il 2019, di 38.433.915,41 di euro per il 2020 e di 13.128.646,88 di euro per il 2021 per un totale complessivo nel triennio di € 63.208.454,74 euro. Gli interventi per il 2019 riguardano dodici gare per lavori ed interventi urgenti per migliorare la viabilità provinciale. Di queste nove sono state appaltate o sono in fase di aggiudicazione mentre altre tre gare, i cui bandi sono già pronti, andranno in gara nei prossimi mesi. Le gare ancora da espletare riguardano, tra l'altro, il progetto dei lavori di manutenzione straordinaria per il miglioramento della rete viaria secondaria comparto Cattolica Eraclea - Ribera - S.anta Margherita Belice - Sambuca di Sicilia - Menfi - Sciacca - zona ovest 2 e il progetto dei lavori di manutenzione straordinaria della rete viaria secondaria comparto Menfi - Montevago - Santa Margherita Belice - Ribera - Cianciana - zona ovest 3 per un totale di oltre cinque milioni di euro.

Agrigentonotizie

Libero consorzio, pronti lavori per oltre 63milioni di euro: serviranno per la viabilità


Messi a bando, e progettati, lavori su strade e strutture scolastiche per oltre 63 milioni di euro. Ad occuparsene è il Libero consorzio di Agrigento che aveva inserito queste attività nel cosiddetto Piano triennale delle opere pubbliche. Gli interventi previsti - già appaltati 9 cantieri e tre sono ancora da appaltare per l'anno in corso - arrivano ad un ammontare di 11.645.892,45 euro per il 2019; di 38.433.915,41 di euro per il 2020 e di 13.128.646,88 di euro per il 2021 per un totale complessivo nel triennio di 63.208.454,74 euro. Quelle previste per il 2020 e fino al 2021 sono invece progettate, ma le gare saranno bandite nei prossimi due anni.
Gli interventi per il 2019 riguardano dodici gare per lavori ed interventi urgenti per migliorare la viabilità provinciale. Di queste nove sono state appaltate o sono in fase di aggiudicazione mentre altre tre gare, i cui bandi sono già pronti, andranno in gara nei prossimi mesi.  Le gare ancora da espletare riguardano, tra l'altro, il progetto dei lavori di manutenzione straordinaria per il miglioramento della rete viaria secondaria comparto Cattolica Eraclea - Ribera - S. Margherita Belice - Sambuca di Sicilia - Menfi - Sciacca - zona ovest 2 e il progetto dei lavori di manutenzione straordinaria della rete viaria secondaria comparto Menfi - Montevago - Santa Margherita Belice - Ribera - Cianciana - zona ovest 3 per un totale di oltre cinque milioni di euro.
Dopo tre giorni di lavori, intanto, è stata riaperta al transito la Provinciale n 2 Piano Gatta-Montaperto-Giardina Gallotti, che era stata chiusa il 25 ottobre per lo smottamento di notevoli quantitativi di fango e detriti in vari punti della carreggiata dopo le forti piogge registrate il 24. Si è comunque al lavoro per normalizzare la situazione.

Canicattiweb

Racalmuto, viabilità: presidente consiglio comunale incontro Commissaria Di Pisa


Il presidente del consiglio comunale di Racalmuto Sergio Pagliaro, nei giorni scorsi ha incontrato il commissario straordinario del Libero Consorzio provinciale di Agrigento dott. Di Pisa, per affrontare la problematica legata alla viabilità delle strade provinciali che si intersecano con il comune di Racalmuto.  All'incontro erano presenti anche l'ingegnere Di Carlo, il dirigente dottor Contino Achille,e per il comune di Racalmuto l'architetto Accursio Vinti.
Si è ampiamente discusso sulle condizioni di viabilità delle strade provinciali ed , in particolare , delle condizioni di percorribilità della strada provinciale sp 15 di collegamento tra il comune di Racalmuto e il centro commerciale le vigne, la S.S 640 e l'ospedale di Canicattì.
Nel corso dell'incontro, Sergio Pagliaro ha rappresentato che la strada è percorsa tutti i giorni da autobus pieni di giovani studenti, che frequentano le scuole di Canicattì, da autotreni a pieno carico e da tanti automobilisti. La strada si presenta piena di avvallamenti, buche, e senza gard rail, e anche per questo è stata teatro di tanti gravi incidenti stradali.
Il commissario dottor Di Pisa, il dirigente dottor Contino e l'ingegnere Di Carlo, hanno dimostrato grande sensibilità e disponibilità , anche alla luce del fatto che tanti turisti si recano a Racalmuto come meta culturale per visitare la prestigiosa sede della Fondazione Leonardo Sciascia e gli altri importanti monumenti del paese. Pagliaro ha avuto assicurazioni che ai primi di dicembre i tecnici del libero consorzio provinciale di Agrigento, effettueranno un sopralluogo e che saranno stanziate le somme necessarie per un primo stralcio dei lavori per mettere in sicurezza la strada.
Il presidente del consiglio comunale Pagliaro, inoltre ha chiesto notizie suĺla sistemazione del ponte Malati , da oltre due anni percorso con il restringimento della carreggiata. I rappresentati del Libero Consorzio hanno assicurato che nei prossimi giorni tutto l'iter sarà completato ed al più presto inizieranno i lavori di messa in sicurezza del ponte . Pagliaro, infine, da notizia che grazie a una richiesta di finanziamento di 70.000,00 euro presentata dal comune di Racalmuto , la Regione Siciliana, ha concesso la somma per i lavori di ammodernamento del ponte della Guardia, di cui si é occupato il dirigente comunale architetto Accursio Vinti e che consentirà, assieme alle altre opere, di riqualificazione un importante asse viario.
ll presidente Pagliaro si è dichiarato soddisfatto dell'incontro con il dott. Di Pisa ed ha assicurato che seguirà personalmente tutto l'inter fino al suo completamento.

Corriere di Sciacca

MY ETHANOL, ARRIVA IL PARERE DELLA STA: "PRODUZIONE ALIMENTARE NON CHIMICA"

"Il progetto della My Ethanol per la costruzione e l'esercizio in contrada Piana Scunchipani di un impianto di biometano e di un impianto fotovoltaico non risulta soggetto alla disciplina dell'Autorizzazione Intergrata Ambientale e l'attività svolta, sia nell'attuale configurazione che a seguito delle modifiche, non rientra nella categoria "Combustione di combustibili in installazione con potenza termica nominale totale pari a superiore a 50 Mega Watt".

E' questo, in sintesi, il parere trasmesso dalla Struttura Territoriale dell'Ambiente di Agrigento e Caltanissetta, in seguito ad una specifica richiesta avanzata dal Libero Consozio Comunale di Agrigento. Quest'ultimo aveva chiesto di valutare se l'intervento era da valutare come modifica sostanziale e un parere di merito all'eventuale assoggettibilità dello stabilimento in oggetto all'autorizzazione integrata ambientale.
Esaminata la documentazione, la struttura interprovinciale si è espressa ed ha trasmesso il proprio parere al Libero Consorzio e al Comune di Sciacca, e per conoscenza naturalmente anche alla My Ethanol.
La Struttura Territoriale Ambiente riferisce nella nota che a seguito delle modifiche proposte la potenza termica complessiva rimarrà invariata e la quantità di prodotti finiti in uscita dall'impianto sarà pari a 73,5 tonnellate al giorno rispetto alle attuali 30.
Secondo l'esame della documentazione è emerso che la potenza termina nominale complessiva della caldaia e del forno essiccazione, risulta inferiore alla soglia dei 50 MW. E non rientra nemmeno nella categoria "trattamento e conservazione di sole materie prima con una capacità di produzione di prodotti di oltre 300 Mg al giorno o 600 Mg al giorno se l'installazione è in funzione per un periodo superiore a 90 giorni consecutivi all'anno".
Secondo la struttura territoriale per l'ambiente, l'impianto non rientra inoltre nella categoria industria chimica produzione di prodotti chimi organici, in quanto l'alcol prodotto si configura come prodotto alimentare e non come prodotto chimico. Vista la potenzialità dell'impianto il progetto non rientra tra gli impianti per il trattamento e la trasformazione di materie prime vegetali con una capacità di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno su base trimestrale, e non è quindi soggetto a verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale
Sono invece valutate come modifiche sostanziali, e il gestore dovrà richiedere l'autorizzazione, per quanto riguarda l'aspetto delle emissioni in atmosfera, in quanto le trasformazioni proposte dal gestore comporteranno una modifica quali-quantitativa delle emissioni derivanti dalle attività condotte nello stabilimento, ed in particolare nella fase di biossidazione accelerata del digestato condotta in biocelle. Tali emissioni, sulla base di quanto riportato nella relazione tecnica, verranno convogliate, aspirate e trattate, tramite scrubber e biofiltro.
Il sindaco di Sciacca non appena ricevuta la nota della Struttura territoriale per l'ambiente, ha provveduto ad inoltrarla alla professoressa Patrizia Livreri ed ha trasmesso alla stessa struttura una nota di contestazione riservandosi controdeduzioni e di adire le competenti autorità giudiziarie. Il primo cittadino ha voluto infine inoltrarla anche a tutti i consiglieri comunali.

Giornale di Sicilia

Libero Consorzio
Asse stradale provinciale, nuovi appalti milionari


Nuovi interventi sull'asse stradale di competenza dell'ex Provincia.
Si avviano a completamento gli interventi compresi nel programma triennale dei lavori Pubblici 2019/2021 approvato lo scorso settembre insieme al bilancio di previsione 2019 e del bilancio pluriennale 2019/2021 dell'ente. Grazie all'intensa attività del settore «Attività Negoziale» e all'accurato lavoro di progettazione da parte dei tecnici del Libero Consorzio, sarà possibile la realizzazione di una serie di opere e di interventi sull'intero territorio provinciale, con investimenti per oltre 63 milioni di euro nel triennio. Gli interventi riguardano sia la viabilità che l'edilizia scolastica provinciale. Gli interventi previsti ed inseriti nel Programma Triennale arrivano ad un ammontare di 1.645.892,45 euro per il 2019, di 38.433.915,41 di euro per il 2020 e di 13.128.646,88 di euro per il 2021 per un totale complessivo nel triennio di 63.208.454,74 euro. L'importo di oltre 63 milioni di euro si riferisce al complesso delle opere inserite nel piano triennale delle opere pubbliche 2019/2021. Per il 2019 le opere inserite  in parte sono state appaltate (in nove casi) ed in parte (tre casi) sono ancora da appaltare. Le altre opere del programma triennale, quelle previste nel 2020 e fino al 2021 sono invece progettate, ma le gare saranno bandite nei prossimi due anni. Gli interventi per il 2019 riguardano dodici gare per lavori ed interventi urgenti per migliorare la viabilità provinciale. Le gare ancora da espletare riguardano, tra l'altro, il progetto dei lavori di manutenzione straordinaria per il miglioramento della rete viaria secondaria comparto Cattolica Eraclea - Ribera - Santa Margherita Belice - Sambuca di Sicilia - Menfi - Sciacca - zona ovest 2 e il progetto dei lavori di manutenzione straordinaria della rete viaria secondaria comparto Menfi - Montevago - Santa Margherita Belice - Ribera - Cianciana - zona ovest 3 per un totale di oltre cinque milioni di euro. (* PAPI*)

Dopo due giorni di lavoro
Piano Gatta-Giardina Gallotti
Strada riaperta al transito


Gran lavoro dei tecnici e dei cantonieri  del Libero consorzio provinciale,per ripristinare le normali condizioni  di transitabilità delle strade interne di competenza dell'ente. Dopo tre giorni di lavori è stata riaperta al transito la Strada Provinciale 2 Piano Gatta-Montaperto-Giardina Gallotti, che era stata chiusa poco prima dell'alba dello scorso 25 ottobre  per lo smottamento di notevoli quantitativi di fango e detriti in vari punti della carreggiata e in seguito alle forti precipitazioni della notte. Completati ieri mattina i lavori di rimozione del fango, la strada è nuovamente transitabile, tuttavia il Settore Infrastrutture Stradali invita  egualmente alla massima prudenzagli automobilisti per il pericolo rappresentato dal fondo stradale ancora insidioso in alcuni punti. Parallelamente, proseguono i lavori per il  ripristino della normale transitabilità sulle altre strade, in particolare nei comparti est e centro-nord, colpiti duramente dall'ondata di maltempo. Qui i lavori delle imprese e dei cantonieri proseguiranno anche nei prossimi giorni. Considerando l'alta probabilità di nuovi eventi di pioggia, la protezione civile invita gli automobilisti alla massima prudenza su tutte le strade provinciali, ex consortili ed ex regionali. (* PAPI*)

Dopo 30 anni sorgerà il nuovo «Zappa»
Campobello, scuola in costruzione
L'istituto dovrebbe essere completato entro l'estate del 2022


In una zona periferica della cittadina - area sud-est - nasce l'alba dei lavori del nuovo Istituto statale tecnico commerciale «Gino Zappa  ». Dopo che circa 30 anni fa erano iniziati e poi ex abrupto interrotti, sono stati consegnati dal settore edilizia scolastica del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, ed quindi avviati i lavori relativi alla costruzione del lotto funzionale dei corpi «A» e «B» della nuova sede, grazie al progetto redatto dai tecnici dell'area Edilizia Scolastica e finanziato dal Ministero dell'Istruzione con decreto di ammissione dell'8 agosto del 2017. Il nuovo dirigente scolastico dell'Istituto statale tecnico commerciale (Itc), Michele Di Pasquali: «Sono andato a constatare di persona, con soddisfazione, la ripresa  dei lavori per la costruzione dell'edificio scolastico di 19 aule che sarà assegnato all'Istruzione superiore "Giudici Saetta e Livatino". Entro l'estate del 2021 ci sarà consegnato il nuovo plesso di contrada "Valle della Divina Commedia", dove saranno allocate le aule ed i laboratori della scuola secondaria di Campobello di Licata» La  gara d'appalto, dell'importo complessivo di 4.151.641,37 euro, compresi oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso di 140.379, 21 euro, era stata aggiudicata al Consorzio Stabile "Agorà Scarl", con sede ad Acireale (Catania), che aveva offerto il ribasso del 25,2310% (importo contrattuale netto 3.139.559,81 euro più iva). L'impresa consorziata esecutrice dei lavori è la «Edilap Società Coop. Ar »", di Catania. La consegna di questi lavori fa seguito a quella dello scorso fine luglio che riguardava il completamento del nuovo Liceo Fermi di Sciacca, e cioè lo stralcio della costruzione di corpo uffici, presidenza e auditorium, grazie alla stessa linea di finanziamento del Ministero della Pubblica Istruzione. (*GBL*)