1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Agrigento
Sei in: Home » URP e Stampa » Rassegna stampa » 2019 » Novembre » rassegna stampa dell'8 novembre 2019

Contenuto della pagina

 

rassegna stampa dell'8 novembre 2019

Giornale di Sicilia

Sono già presenti circa ventimila specie
Orto botanico, deciso l'acquisto di nuove piante


Nuove piante al Giardino botanico di via Demetra per arricchire la varietà di arbusti presenti. Il Libero consorzio provinciale, amministrato dal commissario Girolamo Alberto Di Pisa, ha infatti intenzione di procedere all'acquisto e messa a dimora, presso il giardino Botanico, delle seguenti piante compresi i paletti tutori di castagno: 7 pistacchio (1 maschio e 6 femmine), 4 giuggiolo, 4 caccamo, 4 corbezzolo, 4 pesca, 4 mela, 4 prugna, 4 albicocca, 4 arancio clementino e 4 arancio bergamotto. Le piante, astoni di almeno 2 anni, dovranno essere esenti da virosi e attacchi patologici vari e munite di certificazione di provenienza. Inoltre il lavoro di messa a dimora sarà interamente a carico della ditta aggiudicataria che dovrà consegnare e piantumare le piante entro 15 giorni lavorativi dall'event uale affidamento. Il prezzo a base d'asta è di 1000 euro. Le ditte interessate dovranno far pervenire una dettagliata proposta aderente per contenuti, requisiti, modalità e termini di esecuzione, indicando il costo complessivo oltre Iva, che dovrà pervenire in busta chiusa entro le 10 del 26 novembre all'indirizzo del funzionario, Ignazio Gennaro Direttore del Settore Urp Stampa Cerimoniale e GiardinoBotanico del Libero Consorzio Comunale di Agrigento. Nel Giardino Botanico sono presenti circa ventimila piante riferibili ad oltre 300 colture ed essenze diverse, espressioni tipiche della macchia mediterranea.Oltre all'inest imabile patrimonio vegetale sono inoltre presenti pregevoli testimonianze archeologiche, quali ipogei e caverne naturali visitabili, reperti  fossili, e fenomeni calcarenitici di suggestiva bellezza. All' interno del Giardino vi sono inoltre una serie di "terrazze" che sorgono su banchi in tufo, offrendo ai visitatori una ineguagliabile vista su tutta la Valle dei Templi. Infine, i partecipanti hanno visitato l'erbario" che conserva diverse centinaia di essenze erbacee essiccate e catalogate, di cui alcune risalenti al XIX secolo. Il Giardino botanico di via Demetra dispone di una fitta rete di sentieri, muniti di segnaletica descrittiva delle diverse colture vegetali, che lo rendono piacevolmente fruibile ai visitatori e fa parte dell'Ecomuseo del Libero Consorzio. (*PAPI*)

Annuncio del Libero Consorzio
Ex Provincia, borse di studio
La riscossione entro il mese

Ne hanno diritto le famiglie con un reddito Isee inferiore a 10 mila euro

Si potranno riscuotere entro il 30 novembre le borse di studio per l'anno 2012/13 e 2013/2014. Allo stato attuale circa il 60% delle famiglie degli studenti delle scuole medie superiori della nostra provincia si sono recate in banca negli sportelli della banca Unicredit, su tutto il territorio nazionale, per riscuotere gli importi dovuti. Le somme giacenti, dopo la scadenza, verranno restituite alla Regione Siciliana. Il beneficio riguarda le famiglie che avevano presentato un'ap - posita istanza nel 2013 e nel 2014.  Il settore «Politiche Attive del Lavoroe dell'Istruzione ed Edilizia Scolastica » aveva adottato un apposito provvedimento di liquidazione che individua 5.364 allievi degli Istituti Superiori di Secondo grado per l'anno scolastico 2012/2013 e 6.443 studenti per l'anno scolastico 2013/2014. La liquidazione delle borse di studio è avvenuta dopo l'accreditamento della somma di oltre ottocentocinquantamila euro da parte della Regione. Le borse di studio coprono una quota delle spese sostenute per l' istruzione da parte delle famiglie con un reddito Isee inferiore a 10.632,94 euro.

Agrigentonotizie

Libero consorzio, entro novembre in pagamento le borse di studio

Si potranno riscuotere entro il 30 novembre le borse di studio per l'anno 2012/13 e 2013/2014. Allo stato attuale circa il 60% delle famiglie degli studenti delle scuole medie superiori della nostra provincia si sono recate in banca negli sportelli della banca Unicredit, su tutto il territorio nazionale, per riscuotere gli importi dovuti. Le somme giacenti, dopo la scadenza, verranno restituite alla Regione Siciliana. Il beneficio riguarda le famiglie che avevano presentato un'apposita istanza nel 2013 e nel 2014.
Il settore "Politiche Attive del Lavoro e dell'Istruzione ed Edilizia Scolastica" aveva adottato un apposito provvedimento di liquidazione che individua 5.364 allievi degli Istituti Superiori di Secondo grado per l'anno scolastico 2012/2013 e 6.443 studenti per l'anno scolastico 2013/2014. La liquidazione delle borse di studio è avvenuta dopo l'accreditamento della somma di oltre ottocentocinquantamila euro da parte della Regione Siciliana.
Le borse di studio coprono una quota delle spese sostenute per l'istruzione da parte delle famiglie che versavano in particolari condizioni economiche con un reddito Isee inferiore a 10.632,94 euro.
Le famiglie interessate potranno rivolgersi, per ulteriori chiarimenti, al settore "Politiche Attive del Lavoro e dell'Istruzione ed Edilizia Scolastica" del Libero Consorzio, in Via Demetra n. 1 ad Agrigento, o recandosi nelle varie sedi Urp dell'Ente presenti nel territorio provinciale.

Siciliaonpress

Entro il mese di novembre il pagamento le borse di studio 2012/2013 e 2013/2014 - Sicilia ON Press


Si potranno riscuotere entro il 30 novembre le borse di studio per l'anno 2012/13 e 2013/2014. Allo stato attuale circa il 60% delle famiglie degli studenti delle scuole medie superiori della nostra provincia si sono recate in banca negli sportelli della banca Unicredit, su tutto il territorio nazionale, per riscuotere gli importi dovuti. Le somme giacenti, dopo la scadenza, verranno restituite alla Regione Siciliana. Il beneficio riguarda le famiglie che avevano presentato un'apposita istanza nel 2013 e nel 2014.
Il settore "Politiche Attive del Lavoro e dell'Istruzione ed Edilizia Scolastica" aveva adottato un apposito provvedimento di liquidazione che individua 5.364 allievi degli Istituti Superiori di Secondo grado per l'anno scolastico 2012/2013 e 6.443 studenti per l'anno scolastico 2013/2014. La liquidazione delle borse di studio è avvenuta dopo l'accreditamento della somma di oltre ottocentocinquantamila euro da parte della Regione Siciliana.
Le borse di studio coprono una quota delle spese sostenute per l'istruzione da parte delle famiglie che versavano in particolari condizioni economiche con un reddito Isee inferiore a 10.632,94 euro.
Le famiglie interessate potranno rivolgersi, per ulteriori chiarimenti, al settore "Politiche Attive del Lavoro e dell'Istruzione ed Edilizia Scolastica" del Libero Consorzio, in Via Demetra n. 1 ad Agrigento, o recandosi nelle varie sedi Urp dell'Ente presenti nel territorio provinciale.

Messinatoday

Viabilità in sette province siciliane, 35 milioni di euro per la manutenzione


Via libera dalla Regione all'Accordo quadro da 35 milioni di euro per la manutenzione della viabilità in sette province siciliane: Palermo, Catania, Messina, Agrigento, Siracusa, Enna, Caltanissetta.
L'assessorato regionale alle Infrastrutture ha aggiudicato i lavori che rientrano nel 'Piano Musumeci' da oltre 100 milioni di euro per la riqualificazione e il recupero delle strade provinciali isolane. "Grazie a questo provvedimento - commenta l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone - tra dicembre e gennaio partiranno interventi di manutenzione in almeno 40 strade provinciali della nostra Regione.
Nell'Accordo quadro abbiamo inserito le riqualificazioni di barriere e la segnaletica, i consolidamenti e il rifacimento del manto stradale e altro ancora, intervenendo anche in sostituzione delle ex province che non riescono a garantire i lavori necessari. Grazie alla struttura dell'Accordo saremo in grado di indirizzare le imprese aggiudicatarie dove è più opportuno avviare un cantiere, tagliando i tempi della burocrazia, a tutela della sicurezza e della dignità delle strade, nell'interesse dei siciliani".