1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
/ Rassegna stampa » 2019 » Novembre » rassegna stampa del 27 ottobre 2019
 

rassegna stampa del 27 novembre 2019

Giornale di Sicilia

Musumeci accelera ma in corsa ci sono pure gruppi privati Impianti di biogas per smaltire i rifiuti
Saranno realizzate 8 strutture pubbliche, gestiranno il compostaggio dell'umido

Giacinto Pipitone

Ora sono stati individuati anche i siti. Sono 8: quattro in Sicilia occidentale e altrettanti a oriente. E così il governo Musumeci prova a imprimere un'accelerazione al cambio del sistema di smaltimento dei rifiuti. Mentre all'Ars la riforma degli Ato è impantanata nelle secche degli agguati d'aula, la giunta ha deciso di portare avanti 8 progetti di impianti di compostaggio e biogas interamente pubblici. È lì che finirà tutta la parte umida dell'immondizia che residua dopo la raccolta differenziata. Il presidente della Regione lo confessa ai giornalisti a margine di una conferenza stampa a Palazzo d'Orleans sulla formazione professionale. Ammette, Musumeci, che la riforma degli Ato non andrà avanti per un po': bisogna prima attendere che l'Ars abolisca o ridimensioni il voto segreto, grazie al quale l'opposizione ha già impallinato l'articolo 1 della legge. E tuttavia Musumeci vuole agire in via amministrativa. Alberto Pierobon, l'assessore ai Rifiuti, da tempo segnala che il problema in questa fase è lo smaltimento dell'umido (essenzialmente i residui di cibo e materiale organico). Con la differenziata che ormai - a parte a Palermo, Messina e Catania - sfiora il 40% è necessario trovare uno sbocco a ciò che non è immediatamente riciclabile. E così Musumeci ha scritto alle Srr e agli Ato chiedendo di segnalare i luoghi in cui realizzare i nuovi impianti. Nella parte orientale dell'Isola nessuno ha risposto e così è stato nominato un commissario che ha agito d'imperio. Si tratta di Sebastiano Conti Nibali, già braccio destro del presidente e ora nel gabinetto di Ruggero Razza. È lui che ha messo sul tavolo di Musumeci quattro siti: uno nell'area industriale di Catania, uno nell'area industriale di Ragusa e uno ciascuno nel territorio dei Comuni di Siracusa e Messina. Nella parte occidentale il governo aveva da tempo individuato altrettanti siti: uno è a Bagheria in un'area confiscata alla mafia, un altro fra Partinico e Balestrate e un altro ad Altofonte. Infine, nell'area della discarica di Bellolampo nascerà un nuovo impianto che affiancherà quello tradizionale. Musumeci si è sbilanciato indicando il tipo di impianti su cui la Regione investirà: «Punteremo su quelli di compostaggio e di biogas con procedimento anaerobico». Fuori dai tecnicismi, è una indicazione cruciale. Così Musumeci chiude le porte ai tradizionali termovalorizzatori (uno vorrebbe realizzarne la Sicula Trasporti fra Catania e Siracusa). E apre invece gli investimenti pubblici in un settore in cui è già fortissima la  concorrenza dei privati.Gli impianti di compostaggio sono quelli che permettono di produrre concimi dalla fermentazione della parte umida dei rifiuti. Quelli di biogas sono una evoluzione tecnologica: con un procedimento analogo, e senza combustione, viene prodotto metano oltre a fertilizzanti. Ora, su queste tecnologie hanno  investito tantissimo i colossi internazionali del settore. Che hanno anche presentato progetti alla Regione: sono investimenti che in molti casi attendono solo l'ultimo timbro dell'assessorato all'Ambiente e di quello ai Rifiuti. La Asja Ambiente, per esempio, è pronta a realizzare due impianti di biogas a Marsala e Biancavilla. La Snam e l'Eni stanno pianificando impianti a Grottarossa, nel Nisseno, e a Gela. La A2A, colosso bresciano-milanese, è pronta a produrre biogas trasformando la centrale elettrica di San Filippo del Mela. Si tratta di investimenti enormi: la Asja Ambiente è pronta a investire fra i 50 e  i 75 milioni. La A2A ne ha stanziati 35. Snam ne ha già spesi 2 per acquistare una società siciliana che le permetterà di portare avanti i propri progetti. Ora Musumeci mette in campo la concorrenza della Regione: «Abbiamo i progetti pronti. Individuate le aree, partirà l'iter autorizzativo a breve». È un modo per non far pendere solo dalla parte dei colossi privati la gestione dell'immondizia in Sicilia. Una scommessa che Musumeci sta giocando svicolando per via amministrativa dai pantani dell'Ars.

Sopralluogo dei tecnici del Libero consorzio
Racalmuto, provinciale 15 rischiosa

Non è un'arteria qualunque porta alla statale 640 e all'ospedale Lombardo
RACALMUTO
I tecnici del Libero consorzio hanno effettuato il sopralluogo. Si sono resi conto, direttamente con i loro occhi, che quell'unico pezzo di guard-rail che c'era, all'altezza di contrada Comete, è stato distrutto da tempo e giace ancora sull'att iguo terreno. Dissesti, buche ed avvallamenti sono praticamente ad ogni centimetro e, naturalmente, - ma l'ironia in questi casi non è applicabile - la strada, un'arteria strategica, è priva di illuminazione pubblica. Dopo le richieste di inter- vento, avanzate dal presidente del consiglio comunale di Racalmuto: Sergio Pagliaro, i tecnici dell'ex Provincia sono stati sulla provinciale 15. Non una via qualunque, ma quella che conduce alla statale 640, versante Canicattì, e quella che si percorre per raggiungere l'ospedale Barone Lombardo ed eventualmente il suo pronto soccorso. «Il sopralluogo è stato disposto che ho ncontrato, assieme all'architetto Accursio Vinti, il commissario straordinario Di Pisa, Di Carlo, Contino, Spirio e Destro - ha spiegato Sergio Pagliaro - i quali hanno dimostrato grande sensibilità. Questo sopralluogo è stato, dunque, il primo passo per mettere in sicurezza la strada provinciale. Anche per la sistemazione del viadotto  Malati, l'ingegnere Di Carlo ha confermato che a breve inizieranno i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza», ha aggiunto il presidente del consiglio di Racalmuto Pagliaro dopo aver lanciato l'appello per sbloccare i lavori sulla statale 640, lo scorso venerdì, ha partecipato all'incontro con il vice ministro delle Infrastrutture Giancarlo Cancellieri e con i prefetti di Agrigento e Caltanissetta, i vertici di Anas e Cmc e i rappresentanti dei creditori. «Il vice ministro Cancellieri ha assicurato il massimo impegno per completare l'importante opera», ha concluso il presidente del consiglio di Racalmuto . (*CR*)

Villa Genuardi
Giardini storici tutti da scoprire

Villa Genuardi, ad Agrigento in via Ugo La Malfa, ospita la mostra intitolata «Villa Genuardi e i giardini storici di Agrigento: dal Giardino degli Dei al Giardino del Vescovo". Il progetto culturale si avvale della consulenza botanica dei professori Rosario Schicchi e Manlio Speciale, rispettivamente direttore e curatore dell'Orto Botanico - Sistema museale di Ateneo dell'Università degli Studi di Palermo. L'evento è stato realizzato anche in collaborazione con il Comune di Agrigento, il Libero Consorzio Comunale di Agrigento, la Curia Vescovile, il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, il museo archeologico «Griffo» ed il Fai - Giardino della Kolymbethra.

Agrigentonotizie

Dissesti e avvallamenti lungo la provinciale 15, sopralluogo dei tecnici dell'ex Provincia

I tecnici del Libero consorzio hanno effettuato il sopralluogo. Si sono resi conto, direttamente con i loro occhi, che quell'unico pezzo di guard-rail che c'era, all'altezza di contrada Comete, è stato distrutto da tempo e giace ancora sull'attiguo terreno. Dissesti, buche ed avvallamenti sono praticamente ad ogni centimetro e, naturalmente, - ma l'ironia in questi casi non è applicabile - la strada, un'arteria strategica, è priva di illuminazione pubblica. Dopo le richieste di intervento, avanzate dal presidente del consiglio comunale di Racalmuto: Sergio Pagliaro, i tecnici dell'ex Provincia sono stati sulla provinciale 15.
Non una via qualunque, ma quella che conduce alla statale 640, versante Canicattì, e quella che si percorre per raggiungere l'ospedale "Barone Lombardo" ed eventualmente il suo pronto soccorso. "Il sopralluogo è  stato disposto che ho incontrato, assieme all'architetto Accursio Vinti, il commissario straordinario Di Pisa, Di Carlo, Contino, Spirio e Destro - ha spiegato Sergio Pagliaro - i quali hanno dimostrato grande sensibilità. Questo sopralluogo è stato, dunque, il primo passo  per mettere in sicurezza la strada provinciale. Anche per la sistemazione del viadotto Malati, l'ingegnere Di Carlo ha confermato che a breve inizieranno i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza" - ha aggiunto il presidente del Consiglio di Racalmuto - . Pagliaro dopo aver lanciato l'appello per sbloccare i lavori sulla statale 640, lo scorso venerdì, ha partecipato all'incontro con il vice ministro delle Infrastrutture Giancarlo  Cancellieri e con i prefetti di Agrigento e Caltanissetta, i vertici di Anas e Cmc e i rappresentanti dei creditori. "Il vice ministro Cancellieri ha assicurato il massimo impegno per completare l'importante opera" - ha concluso il presidente del Consiglio di Racalmuto.


QdS

Agrigento, confronto tra studenti e istituzioni - QdS

Tra gli argomenti trattati: sicurezza personale e collettiva, educazione stradale e lotta al bullismo. Rafforzare nelle nuove generazioni il concetto di cittadinanza consapevole e responsabile
AGRIGENTO - L'Aula consiliare del Libero Consorzio comunale ha ospitato nei giorni scorsi un incontro con gli studenti della scuola media dei plessi Garibaldi e Pirandello dell'Istituto comprensivo Agrigento Centro. L'iniziativa è stata organizzata con l'intento di promuovere la cultura della legalità e rafforzare il concetto di cittadinanza responsabile e consapevole nei ragazzi.
L'incontro è stato aperto dai saluti del prefetto Dario Caputo e del capo di gabinetto dell'ex Provincia, Maria Antonietta Testone. Per l'occasione gli alunni hanno omaggiato il commissario straordinario del Libero Consorzio, Alberto Girolamo di Pisa, con una "pietra d'inciampo", in memoria della scorta del giudice Giovanni Falcone, da loro realizzata. All'iniziativa sono intervenuti, altresì, il capo di gabinetto della Prefettura di Agrigento, Elisa Vaccaro, il comandante della Compagnia Carabinieri di Agrigento, Marco La Rovere e il giornalista Alan David Scifo, autore del libro "Sud del Sud".
Il tema dell'educazione alla legalità, dunque, è stato posto come fondamento nella costruzione dell'identità dello studente nella sua veste di cittadino. Nel corso dell'incontro, infatti, sono stati trattati diversi temi: sicurezza personale e collettiva, educazione stradale, comportamenti a rischio nell'utilizzo della rete, uso di sostanze stupefacenti, bullismo e cyberbullismo.
Si è riflettuto, inoltre, sulle loro conseguenze legali. Molti gli interventi dei ragazzi, che hanno dimostrato interesse e curiosità per le tematiche trattate.

Corriereagrigentino

Messa in sicurezza della strada provinciale 15, effettuato sopralluogo - Corriere Agrigentino

Il presidente del consiglio comunale di Racalmuto Sergio Pagliaro, in riferimento alla precedente nota del 28 ottobre scorso, sulla messa in sicurezza della strada provinciale 15, che collega Racalmuto con il centro commerciale Le Vigne, e la statale 640, comunica che i tecnici del Libero Consorzio provinciale di Agrigento, la settimana scorsa hanno effettuato il sopralluogo ed accertato lo stato dei luoghi. Il sopralluogo è stato disposto dopo che Sergio Pagliaro ha incontrato, assieme all'architetto Vinti, il commissario straordinario del Libero Consorzio di Agrigento Di Pisa, unitamente all'ingegnere Di Carlo, i quali hanno dimostrato grande sensibilità per il nostro territorio. Il sopralluogo è stato il primo passo per mettere in sicurezza la strada provinciale. Anche per la sistemazione del ponte malati, l'ingegnere Di Carlo ha confermato che a breve inizieranno i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza. Pagliaro comunica, altresì, che dopo aver lanciato l'appello per sbloccare i lavori della Ss 640, ha partecipato all'incontro che si è tenuto il 22 novembre scorso ad Agrigento alla presenza del Vice Ministro delle infrastrutture Giancarlo Cancellieri, e dei prefetti di Agrigento e Caltanissetta, presenti anche i vertici di Anas e CMC e i rappresentanti dei creditori. Cancellieri ha assicurato il massimo impegno per completare l'importante opera.

LA SICILIA
ALLARME DISPERSIONE SCOLASTICA CRESCE IL NUMERO DEGLI ABBANDONI

Sono allarmanti i dati che arrivano dall'osservatorio per la dispersione scolastica nelle scuole del territorio che comprende Canicattì ed i comuni : di Ravanusa, Campobello di Licata, Naro, Camastra, Grotte, Racalmuto, Castrofilippo e Favara. Nell'ambito delle scuole dell'osservatorio sono a rischio di dispersione scolastica il 3,18% su un totale di 5.153 di iscritti alle scuole secondarie di secondo grado, il 2,56%su un totale di 3.769 di alunni iscritti alle scuole secondarie di primo grado e lo 0,58% su un totale di 5.580 di bambini iscritti alle scuole primarie. Questi dati percentuali si uniformano a quelli riguardanti l'intera provincia di Agrigento, mentre in Sicilia, le città con il tasso di dispersione scolastica più elevato secondo lo studio condotto rimangono sempre le città di Siracusa e Ragusa. Ma andiamo con ordine in questi comuni per quanto riguarda la scuola di primaria si sono registrati 11 casi di evasione scolastica (non hanno mai frequentato) ed uno di abbandono su un totale di 7712 studenti iscritti. Salendo un gradino e passando alle scuole medie si registrano 20 casi di evasione, (non hanno mai frequentato) e ben 98 episodi di abbandono. Qui la popolazione scolastica nei comuni è di un totale di ben 5772 studenti. A convocare l'osservatorio, la coordinatrice dirigente scolastica dell'istituto Comprensivo Verga di Canicattì Maria Ausilia Corsello che, con la collaborazione dell'operatore psico-pedagogico territoriale Carmela Matteliano ha illustrato il lavoro svolto e i dati della dispersione scolastica delle scuole ricadenti nei comuni di competenza. Sono ben 45 i partner che aderiscono all'osservatorio locale dispersione scolastica tra comuni scuole rappresentanti dell'Asp, associazioni ed enti di formazione professionale. "Il confronto tra essi - dichiara la dirigente Corsello - rappresenta la prima tappa del Progetto "Disco" ed è il luogo privilegiato di indagine e studio del fenomeno ma anche uno strumento di programmazione partecipata con le realtà territoriali, con il mondo della scuola, della formazione e del mondo associazionistico. In Sicilia e nelle nostre scuole, il fenomeno della dispersione scolastica coinvolge spesso ragazzi che vivono in un contesto socio culturale ed economico disagiato e comporta una grave carenza delle competenze di base e delle qualifiche essenziali per una piena partecipazione alla vita sociale". CARMELO VELLA


ATI, OK A INCARICO PER PIANO D'AMBITO MA LA GRANA DEI "RIBELLI" NON È CHIUSA

Manca ancora l'individuazione esatta dei comuni interessati. Gestione del servizio idrico, l'Ati rischia di rimanere bloccato in un loop burocratico. E non è escluso - dicono i malpensanti - che tutto ciò non sia quasi voluto. Lo scorso 6 novembre - ma l'atto è stato materialmente pubblicato solo un paio di giorni fa - il consiglio direttivo dell'Assemblea territoriale idrica ha infatti provveduto a disporre un incarico formale al segretario generale Iacono per individuare dei professionisti esterni all'Ati stessa per la redazione del tanto atteso Piano d'ambito. I professionisti dovranno essere "in possesso delle necessarie competenze di matrice economica ed ingegneristica, che garantisca il giusto supporto all'ufficio tecnico per l'elaborazione degli atti propedeutici e imprescindibili all'affidamento della gestione del servizio idrico integrato, quali l'aggiornamento del piano d'ambito e l'aggiornamento del piano degli investimenti". Non un lavoro di poco conto e, soprattutto, un problema sul quale sono puntati con molta attenzione gli occhi della Regione Siciliana che, come vi avevano già raccontato, ha imposto alle Ati inadempienti di dotarsi il prima possibile di quanto necessario al fine di non bloccare gli investimenti destinati a reti e impianti fognari e depurativi consentendo così alla Sicilia di uscire dalla cosiddetta procedura d'infrazione. E allora tutto bene? In realtà, dice il proverbio, il diavolo si nasconde nei dettagli. E così basta leggere proprio la lettera indirizzata al segretario generale per scoprire un potenziale problema. "La nuova gestione - c'è scritto nero su bianco - interesserà tutti i Comuni dell'ente di governo d'ambito, con le uniche eccezioni al principio di unicità della gestione per i Comuni che hanno i requisiti di salvaguardia ai sensi e per gli effetti dell'articolo 147". Quindi il futuro e identico pool di tecnici incaricati di aggiornare i piano d'ambito (che va rivisto a partire dalla forma di gestione, che è oggi quello dell'azienda consortile pubblica) potrebbe chiedere: "Ma quali sono questi comuni?". La risposta potrebbe essere, oggi, solo una: "Non lo abbiamo ancora deciso". Come noto, infatti, l'Ati ha demandato proprio agli uffici di individuare quali tra i numerosi comuni che gestiscono in proprio hanno diritto a continuare in proprio e quali no e la procedura, al momento è tutt'altro che completata. E questo scoglio è oggi un problema serio, serissimo: senza conoscere il perimetro dell'ambito è impossibile fare non solo il piano, ma anche la semplice pianta organica. GIOACCHINO SCHICCHI





Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO