1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
/ Rassegna stampa » 2021 » Dicembre » 27 » rassegna stampa dal 24 al 27 dicembre 2021
 

rassegna stampa dal 24 al 27 dicembre 2021

GrandangoloAgrigento

Favara entra nel "Primo parco mondiale dello stile di vita Mediterraneo"

Favara entra convintamente nel "Primo parco mondiale dello Stile di vita mediterraneo" e ne sostiene un percorso che potrà portare grandi vantaggi alla comunità locale. Nei giorni scorso l'ente ha sottoscritto l'adesione formale nella straordinaria cornice della biblioteca "Mendola" al termine di un'intesa giornata di lavoro che ha visto la partecipazione del Libero consorzio di Agrigento, del Cefpas e delle amministrazioni che oggi sostengono questo importante progetto che unisce tutela della salute a valorizzazione del territorio.
"Favara - spiega il vicesindaco e assessore alla Cultura Antonio Liotta - entra con pieno titolo in un percorso di sviluppo culturale ed economico che partendo dell'agricoltura biologica porta al consumo consapevole, alla rigenerazione urbana, allo sviluppo del concetto di salute secondo le importanti direttive dell'Oms formulate nel 1948 ed ancora assolutamente attuali. Binomio vincente oggi è coniugare salute e cultura, che trovano nell'Ambiente il terreno fertile di in sano sviluppo democratico. L'Amministrazione comunale guidata da Antonio Palumbo è pronta per partecipare attivamente alla grande sfida del cambiamento culturale e sociale".

Canicattiweb

Nuovi mezzi per la Protezione civile del Libero Consorzio di Agrigento

Potenziato il parco degli automezzi in dotazione al gruppo della Protezione Civile del Libero Consorzio di Agrigento.
Grazie alle disponibilità economiche inserite nel bilancio approvato dal Commissario Straordinario sono stati acquistati due nuovi mezzi per la Protezione Civile provinciale per intervenire con efficacia e rapidità nelle situazioni di monitoraggio ed emergenza, su tutte le tre zone in cui è stato diviso il territorio provinciale ed anche oltre i confini provinciali.
I nuovi mezzi, un fuoristrada Nissan Navara e una Nissan Micra e i due carrelli rimorchio, saranno utilizzati per il trasporto delle due idrovore già nella disponibilità del gruppo, recentemente impiegate a Catania dopo l'alluvione. I nuovi mezzi si aggiungono al fuoristrada, alla sala operativa mobile, alla sala radio mobile e alla Torre Faro già in dotazione al Gruppo. Questi ultimi automezzi sono stati utilizzati anche durante la situazione di emergenza per il tragico evento che ha colpito il comune di Ravanusa.
Con questi due nuovi mezzi, ha dichiarato il Commissario Straordinario Vincenzo Raffo, possiamo affrontare con maggiore efficacia le situazioni emergenziali e straordinarie che possono verificarsi nel territorio provinciale. La tragedia di Ravanusa e le estreme condizioni meteorologiche di questi mesi impongono una rapida operatività con mezzi adeguati alle situazioni emergenziali. Il gruppo della Protezione Civile del Libero Consorzio in questi anni ha acquisito sul campo una grande esperienza che consente un intervento immediato anche in situazioni estreme ed il potenziamento delle attrezzature ne garantisce una migliore operatività.

Siciliaonpress

Favara entra nel "Primo parco mondiale dello stile di vita Mediterraneo"

Favara entra convintamente nel Primo parco mondiale dello Stile di vita mediterraneo e ne sostiene un percorso che potrà portare grandi vantaggi alla comunità locale.
Nei giorni scorsi l'Ente ha sottoscritto l'adesione formale, nella straordinaria cornice della biblioteca "Mendola", al termine di un'intensa giornata di lavoro che ha visto la partecipazione del Libero consorzio di Agrigento, del Cefpas e delle amministrazioni che oggi sostengono questo importante progetto che unisce tutela della salute a valorizzazione del territorio.
"Favara - spiega il vicesindaco e assessore alla Cultura Antonio Liotta - entra con pieno titolo in un percorso di sviluppo culturale ed economico che partendo dell'agricoltura biologica porta al consumo consapevole, alla rigenerazione urbana, allo sviluppo del concetto di salute secondo le importanti direttive dell'Oms formulate nel 1948 ed ancora assolutamente attuali.  Binomio vincente oggi è coniugare salute e cultura, che trovano nell'Ambiente il terreno fertile di in sano sviluppo democratico. L'Amministrazione comunale guidata da Antonio Palumbo è pronta per partecipare attivamente alla grande sfida del cambiamento culturale e sociale".


La Sicilia


CIANCIANA, RACCOLGONO OFFERTE PER RIPARARE LE BUCHE SU SP 32
Hanno dovuto scomodare le parole di Cicerone per ricordare la denuncia contro Catilina dell'S marzo del 63 a.C. Oggi annunciano una raccolta di fondi e stanno organizzando i lavori per riparare la strada provinciale 32, la Ribera-Cianciana. Protagonisti della singolare iniziativa sono i soci del circolo culturale "Alessio Di Giovanni" che, con una nota già inviata al prefetto Cocciufa e a firma del presidente del sodalizio Alfonso Marino, annunciano di avere iniziato una raccolta di denaro per affrontare le spese necessario a coprire le buche dell'arteria provinciale e di avere già programmato per giovedì 30 dicembre un sit-in di cittadini, con pale e picconi, per riparare la strada che nelle stagioni invernali diventa intransitabile per le popolazioni dei 5 comuni
i montani che vogliono raggiungere la costa, Ribera e Sciacca.
In passato sono scesi sul piede di guerra tante volte gli amministratori comunali di Cianciana, Alessandria della Rocca, Bivona, Santo Stefano Quisquina e San Biagio Platani, ora sono i cittadini dei comuni del comprensorio montano che incontrano gravi difficoltà quotidiane per raggiungere gli uffici istituzionali e soprattutto gli ospedali di Ribera e di Sciacca. Restano bloccati nelle due direzioni gli automobilisti non solo per le buche, ma anche per fango e detriti ogni volta che piove. I pendolari non ne possono più. Un tassista di notte è finito elentro una grande buca e vi è rimasto fino all'alba. Scrive il presidente Marino:
"Oggi prendiamo a prestito le parole di Cicerone. La misura è colma, la pazienza esaurita e la sopportazione non più tollerabile".

QUASI 4 MILIONI PER MIGLIORARE IL SISTEMA VIARIO
VIA WEB RIUNITI I SINDACI DEI 13 COMUNI INTERESSATI DALL'AREA INTERNA

Sono quasi 4 milioni di euro le somme di denaro che dovranno essere utilizzate nel nuovo anno per migliorare il sistema viario delle strade provinciali de! comprensorio occidentale della provincia, tra l'area collinare e il litorale che si affaccia sul Canale di Sicilia. Si è svolta la prima riunione, via web, tra tutti i sindaci dei 13 Comuni interessati dell'area interna sicana e il commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Agrigento Vincenzo Raffo per prendere atto della precaria situazione della viabilità, soprattutto nei 12 centri in provincia di Agrigento e in provincia di Palermo. I centri agrigentini sono Alessandria della Rocca, Bivona, Burgio, Cammarata, Casteltermini, Cianciana, Lucca Sicula, Sant'Angelo Muxaro, San Biagio Platani, San Giovanni Gemini, Santo Stefano Quisquina, Villafranca Sicula, con l'aggiunta di Palazzo Adriano (Palermo). Ricadono tutti nelle vallate dei fiumi Magazzolo e Platani e sulle pendici dei Monti Sicani.
"Con i finanziamenti ministeriali ha precisato il sindaco di Bivona Milko Cinà, comune capofila - è urgente ed inderogabile collegare la montagna al mare per le popolazioni che hanno bisogno di uffici, istituzioni e perfino degli ospedali. Per questo bisogna migliorare subito la strada provinciale 32 con i collegamenti adeguati alla SS 113 e accelerare subito la costruzione della nuova strada "Mare Monti" di cui si parla da un trentennio".
La riunione è stata aggiornata alla prima decade di gennaio quando saranno disponibili, oltre agli amministratori comunali, anche il responsabile del Genio Civile di Agrigento Rino La Mendola e il dirigente tecnico delle Infrastrutture stradali della viabilità provinciale del Libero Consorzio Michelangelo Di Carlo. Saranno individuate le priorità d'intervento per dare la possibilità ai cittadini di potere viaggiare in sicurezza e di raggiungere con le ambulanze gli ospedali Riuniti "Fratelli Parlapiano" di Ribera e "Giovanni Paolo II" di Sciacca.




Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO