1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
/ Rassegna stampa » 2022 » Gennaio » 28 » rassegna stampa del 28 gennaio 2022
 

rassegna stampa del 28 gennaio 2022

Giornale di Sicilia

La sentenza emessa dalla Corte dei conti
Consorzio universitario,«Mifsud è colpevole»

Identico verdetto emesso per l'ex segretario Vella
Assolti tutti gli altri accusati
Gerlando Cardinale
Decine di migliaia di euro spesi per taxi  per destinazioni  «ignote e non giustificate», cene in ristoranti con «ignoti o con soggetti annotati a mano e non giustificati», biglietti aerei «non collegati con la Sicilia, spese «nei bar, negozi di souvenir e giocattoli, soggiorni in hotel «non giustificati e «spese del tutto prive di pezze giustificative», con soldi pubblici. Tutte uscite, addebitate al consorzio universitario di Agrigento, per le quali non è tuttavia possibile «evincere l'inerenza delle relative  spesealle finalità istituzionali del Cupa». Èquesto, in sintesi, l'atto di accusa del-la Corte dei Conti nei confronti di Joseph Mifsud, condannato dalla magistratura  contabile  per  avere  provocato un danno erariale per decine di  migliaia  di  euro. Di Joseph Mifsud, misteriosa figura al centro dell'intrigo  mondiale Russiagate,  sisono perse le tracce da anni. Il beneficiario  delle  somme  prelevate  sarebbe stato lui, agli altri viene contestato di avere avallato i pagamenti. Adesso, dicono i giudici contabili, «Anche avvalendosi delle produzioni  documentali  e  ricorrendo, per i casi dubbi, al principio in dubbio proreo» non è stato possibile  «Ricondurre alle finalità  istituzionali del Cupa in maniera univoca tanto che"tali spese assumono la natura di danno per l'Erario». Inizialmente le somme contestate ammontavano ad oltre 130mila euro, ma la sentenza rivede al ribasso la ricostruzione degli  inquirenti. «deve evidenziarsi, anche ai fini della valutazione dell'elemento soggettivo, che il danno,  specialmente  per  le  ipotesi  più esemplari  e  reiterate  (acquisto  digiocattoli, souvenir, caramelle, cioccolatini e soggiorni in hotel del Comune di residenza) - scrivono i giudici - costituiva una ipotesi di dannoconcreta ed attuale immediatamente percepibile». La Corte, quindi, riconosce il danno arrecato al Consorzio,  affermando una  responsabilità erariale a Mifsud per oltre 49.892 euro e all'ex segretario generale Giuseppe Vella fino alla  concorrenza della somma di 43.227 euro. Pescritte, invece, le accuse nei confronti di Olga Matraxia  (ex segretario generale del Cupa) e per i dipendenti  Giancarlo  Giuliana,  Gregorio Siracusa,  Andrea Occhipinti, Leda Amato e Maria Cipolla. (*GECA*)

Guida Sicilia

L'Istituto "Toscanini" di Ribera è diventato Conservatorio di Stato

L'Istituto musicale promosso dal Ministero dell'Università e della Ricerca nel 30° anniversario della sua fondazione
L'Istituto superiore di Studi Musicali "Arturo Toscanini" di Ribera diventa Conservatorio di Musica di Stato, con una promozione a pieni voti da parte del Ministero dell'Università e della Ricerca nel 30° anniversario della sua fondazione.
Una grande soddisfazione per il presidente Giuseppe Tortorici, per il neo eletto Direttore prof. Riccardo Ferrara e la Vice Direttrice prof.ssa Mariangela Longo che, insieme agli organi statutari in carica nel triennio accademico 2018-21, hanno curato la stesura del progetto di Statalizzazione oltreché la relativa complessa istruttoria Ministeriale avviata nel 2019.
Il lavoro della progettazione è stato realizzato insieme e in piena sintonia di intenti con i rappresentanti degli Enti partners, importanti attori e sostenitori dell'Istituto e del processo di Statalizzazione: l'Assessore all'Istruzione e Formazione Professionale della Regione Sicilia Roberto Lagalla, il Commissario Straordinario del Libero Consorzio dei Comuni di Agrigento Vincenzo Raffo e il Sindaco del Comune di Ribera Matteo Ruvolo.
"Dopo ventitré anni dalla Legge di riforma del comparto di Alta Formazione Artistico Musicale - hanno dichiarato i dirigenti del Toscanini -, e quasi cinque anni dalla legge di Statalizzazione, art. 22 bis L. 96/2017, si conclude nel migliore dei modi il "viaggio tempestoso" dell'Istituto Superiore di Studi Musicali Arturo Toscanini di Ribera, già Istituzione AFAM pubblica, ora accreditato al rango di Conservatorio di Musica di Stato".
Molteplici sono stati gli aspetti vagliati dalla Commissione Ministeriale per il raggiungimento del punteggio necessario (40 punti) per l'ottenimento della Statalizzazione. I parametri utilizzati per la valutazione complessiva sulla qualità delle attività, strutture, bilanci, corsi, reclutamento docenti e dimensione in termini di iscrizioni e sedi delle Istituzioni, sono stati suddivisi in quattro macro aree: a) adeguatezza di immobili, laboratori, aule e dotazioni strumentali; b) sostenibilità economico-finanziaria; c) dimensione ed eventuale caratterizzazione della domanda di formazione di livello accademico tenendo conto della specificità dei corsi di studio nel panorama regionale e nazionale; d) obiettivi di federazione/fusione con Istituzioni statali.
Parametri che l'Istituto Toscanini, Ente pubblico non economico operante nel territorio agrigentino da 30 anni, ha rispettato. Intanto è già online il nuovo sito www.conservatoriotoscanini.it, e a breve, su grande richiesta, saranno riaperti i termini per l'ammissione straordinaria ai 28 corsi accademici attivi.

Corriere di Sciacca

Spese folli al Consorzio Universitario di Agrigento, condanna della Corte dei Conti per MIfsud e Vella

La Corte dei Conti ha condannato Joseph Mifsud per le spese "folli" del Consorzio universitario di Agrigento, per provocato danno erariale. Si tratta di decine di migliaia di euro per cene in ristoranti con altri ignoti soggetti, biglietti aerei non collegati con la Sicilia, soggiorni in hotel, ma anche spese in bar e negozi.
Mifsud, scomparso da tempo dopo essere stato coinvolto nel "Russia Gate", è stato riconosciuto responsabile del danno arrecato al Consorzio, per 50mila euro.Condanna anche per l0ex segretario generale Giuseppe Vella fino alla concorrenza della somma di 43.227 euro. Tutte prescritte, invece, le accuse nei confronti di altri indagati.

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO