1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
/ Comunicati stampa » 2008 » Gennaio » Emergenza rifiuti - Fontana e Castiglione: "La Sicilia usata come pattumiera dal Governo Prodi"
 

Emergenza rifiuti - Fontana e Castiglione: "La Sicilia usata come pattumiera dal Governo Prodi"

Agrigento, 11 gennaio 2008

La notizia dell'imminente trasferimento in Sicilia di migliaia di tonnellate di rifiuti dalla Campania ha suscitato la vibrata protesta del Presidente della Provincia Regionale dr. Vincenzo Fontana e del capogruppo dell'UDC al consiglio provinciale dr. Carmelo Castiglione. "Il regalo del Governo Prodi agli agrigentini è servito" dice Castiglione "non strade o importanti infrastrutture, bensì 250.000 tonnellate di spazzatura per la discarica di Siciliana: complimenti al governo e ai parlamentari della maggioranza per il loro impegno e per l'ulteriore onere ambientale che la nostra regione e la provincia di Agrigento in sono costrette a pagare!"
"Capisco il dramma della Campania e l'emergenza che ne deriva" dice invece il presidente Fontana "però ciò non significa che debba giustificare l'azione del Governo nazionale, che si ricorda della Sicilia non per destinarle risorse e infrastrutture, bensì per relegarla al ruolo di pattumiera d'Italia. Sono esterrefatto, non pensavo, dopo i tagli del passato, che si arrivasse a questo. Prodi parla di termovalorizzatori? Benissimo, allora, visto che ne esistono diversi e molto efficienti al Nord avrebbero potuto inviarla lì, la spazzatura, senza ingolfare ulteriormente le nostre discariche che sono ormai prossime alla saturazione. Dice che in cambio accelererà la costruzione dei termovalorizzatori in Sicilia? Ma allora perché bloccare la costruzione di quelli già previsti? Abbiamo perso tempo inutilmente, e ora forse anche un certo ambientalismo radicale si sta rendendo conto che la politica del no a tutti i costi non paga. Spero che questa sia l'ultima mortificazione per i siciliani e gli agrigentini. Se è un sacrificio richiesto in nome di un'emergenza che coinvolge un'intera nazione va bene, ma vorrei vedere nell'immediato futuro atti concreti per lo sviluppo della nostra terra. Un conto è rimanere un passo indietro alle altre regioni, un conto è diventare la pattumiera d'Italia!".

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO