1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
/ Comunicati stampa » 2008 » Gennaio » Incontro tra il Prefetto di Agrigento e una delegazione del Consiglio Provinciale
 
Il Prefetto Postiglione con il Presidente del C.P. Giambalvo
Il Prefetto Postiglione con il Presidente del C.P. Giambalvo
 

Incontro tra il Prefetto di Agrigento e una delegazione del Consiglio Provinciale

Agrigento, 25 gennaio 2008 

Il Prefetto di Agrigento Umberto Postiglione ha ricevuto ieri mattina il Presidente del Consiglio provinciale Francesco Giambalvo e i consiglieri Renato Bruno, Giovanni Di Sciacca, Onofrio Cammilleri, Rolando Montalbano, Simone Di Paola, Giuseppe Giglione e Calogero Traina. Il Prefetto ha innanzitutto dichiarato di non condividere affatto le analisi che hanno relegato la provincia di Agrigento agli ultimi posti d'Italia per qualità della vita, ed ha affrontato subito la questione dello smaltimento dei rifiuti, realtà che conosce bene essendo stato coinvolto direttamente in Campania dall'emergenza salita alla ribalta delle cronache nazionali.
"Sono qui non solo come rappresentante del Governo, ma anche e soprattutto come uomo che ha maturato certe esperienze, e vorrei metterle a disposizione degli amministratori e dei cittadini" ha premesso Postiglione "Convocherò a breve un incontro con i presidenti degli ATO e con il Presidente della Provincia per affrontare la questione rifiuti. Lo farò ovviamente come mediatore tra le comunità locali e le istituzioni, così come impone il mio ruolo. Ritengo però che la Provincia Regionale potrà avere un ruolo fondamentale nell'ottimizzazione della raccolta e nel corretto funzionamento degli ATO".
Giambalvo ha poi sollevato la questione delle pratiche per il rilascio dell'indennità di accompagnamento, che al termine di un iter sanitario già abbastanza complesso si fermano per troppi mesi negli uffici della Prefettura, causando enormi disagi agli invalidi e alle famiglie. Il Prefetto ha rassicurato la delegazione annunciando che intende coinvolgere tutti i Comuni, i cui servizi sociali dovranno farsi carico di completare la procedura per il riconoscimento dell'indennità di accompagnamento, in modo da consentire all'Inps un più rapido smaltimento delle pratiche. Positivo il commento del Presidente Giambalvo: "Il Prefetto Postiglione ama la politica intesa come servizio per i cittadini".

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO