1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
/ Comunicati stampa » 2015 » Febbraio » 17 » Inaugurata la mostra sulla costruzione del palazzo della Provincia
Inaugurata la mostra sulla costruzione del palazzo della Provincia
In primo piano il Commissario Di Liberto e il Prefetto Diomede
 

Inaugurata la mostra sulla costruzione del palazzo della Provincia

La storia del Palazzo della Provincia di Agrigento, rivive attraverso un percorso grafico e documentale che ne ricostruisce i momenti più importanti, dalla progettazione fino alla realizzazione finale e alla sua apertura risalente al 31 agosto del 1869. La mostra, che sarà visitabile nella Scala Reale fino al mese di marzo, è stata inaugurata questa mattina dal commissario straordinario del Libero Consorzio Alessandra Di Liberto alla presenza, tra gli altri, del prefetto Nicola Diomede. Espone disegni e progetti originali di quello che fu definito dallo storico agrigentino Giuseppe Picone, il "Magnifico Palazzo", ma anche stampe, mappe e antiche fotografie che ripercorrono lo sviluppo urbanistico del centro agrigentino dove sorge, appunto il Palazzo della Provincia, inizialmente destinato a Reale Ospizio di beneficenza e assegnato all'amministrazione provinciale dopo l'avvento dell'Unità d'Italia. In mostra anche i decreti di Re Ferdinando II di Borbone, le fatture originali dei pagamenti degli stucchi della Scala Reale, i bandi di gara e le piante della struttura oltre a quattro disegni originali dell'Antico Ospizio di beneficenza messi a disposizione per l'evento dall'Archivio di Stato di Palermo. Tre foto della seconda meta dell'ottocento, messe a disposizione dal Circolo Pier Paolo Pasolini di Agrigento mostrano i luoghi durante il periodo di costruzione dell'edificio. Il Palazzo, che oggi ospita anche la Prefettura, fu uno tra i primi ad essere costruito nell'Ottocento fuori della cinta muraria, fatto che contribui a cambiare radicalmente l'assetto urbanistico della città. Venne edificato laddove in passato sorgevano stazzoni, ospitanti fabbricanti di vasellame e tegole di terracotta. La mostra è ad ingresso gratuito e sarà visitabile negli orari di apertura degli Uffici del Libero Consorzio.

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO